baffo

Tutela contro la concorrenza sleale

Tutela contro la concorrenza sleale baffo

Tutela contro la concorrenza sleale

Tutela contro la concorrenza sleale

L’imitazione e lo sfruttamento dell’attività di un concorrente può integrare una condotta sleale ed illecita, sotto diversi profili, anche nei casi in cui il soggetto leso non sia titolare di diritti di proprietà industriale in senso stretto.

La concorrenza sleale può riguardare, in particolare, la riproduzione di una forma o di un segno distintivo, ma anche la sottrazione di risorse e know-how riservato, l’imitazione della comunicazione pubblicitaria, così come ogni attività di indebito agganciamento al successo di un prodotto concorrente.

Molto spesso la concorrenza sleale si verifica anche su Internet, come nel caso di campagne diffamatorie online e la creazione di pagine clone all’interno di social network.

Perani Pozzi Associati segue attivamente tutti gli aspetti legati alla concorrenza sleale, in particolare quelli relativi alla imitazione servile confusoria e al fenomeno del “look alike”, assistendo i clienti nella difesa contro qualsiasi condotta scorretta e parassitaria, anche indipendente dalla violazione di diritti di proprietà industriale e intellettuale.

L’attività di tutela in ambito di concorrenza sleale include le controversie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa in sede giudiziale e amministrativa e davanti al giurì dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria.